Riciclaggio di denaro Bitcoin

Non esiste un approccio internazionale uniforme alla regolamentazione di Bitcoin e la sua legalità dipenderà da dove risiedi nel mondo. Tuttavia, poiché le autorità cercano sempre più come incorporare e identificare questo nuovo sistema monetario nel loro sistema finanziario esistente, è probabile che ci saranno almeno alcune normative implementate nel settore al fine di proteggere i clienti e di reprimere l’attività criminale . Il massiccio aumento del valore di Bitcoin nel 2017 ha fatto sì che la regolamentazione del settore sia diventata sempre più urgente, con molti regolatori globali che hanno annunciato il loro approccio previsto alla regolamentazione della regolamentazione di Bitcoin negli ultimi mesi.

Tuttavia, mentre la legalità di Bitcoin deve ancora essere completamente decisa in molte giurisdizioni, ci sono domande più immediate a cui è necessario rispondere, incluso come regolamentare le persone che hanno a che fare o scambiano Bitcoin e se viene utilizzato per infrangere la legge..

Riciclaggio di denaro Bitcoin

Riciclaggio di denaro

La natura semi-anonima e decentralizzata di molte criptovalute ha fatto sì che le autorità temessero che alcune piattaforme potrebbero essere utilizzate per il riciclaggio di denaro. Ad esempio, già nell’aprile 2012 l’FBI ha indicato che la mancanza di regolamentazione potrebbe significare che Bitcoin potrebbe essere utilizzato per attività illegali da parte di criminali, soprattutto quando erano disponibili scambi offshore.

Attività / transazioni criminali

Ci sono anche preoccupazioni da parte delle autorità che le criptovalute potrebbero essere utilizzate per attività criminali online. Non molto tempo dopo il suo inizio, Bitcoin ha attirato l’attenzione degli Stati Uniti e delle autorità internazionali a causa della sua popolarità tra i commercianti sul Dark Web, un’area di Internet che era piena di commercio illegale di articoli che vanno dalle armi alle droghe illegali. Ad esempio, il famigerato mercato di Silk Road accettava Bitcoin sul suo sito solo per garantire l’anonimato ai suoi clienti. L’infamia della Via della Seta, e la successiva chiusura del mercato da parte dell’FBI, al senatore statunitense Charles Schumer che si riferiva esplicitamente a Bitcoin come “valuta surrogata” che abilitava attività criminali.

Approccio legislativo al regolamento AML / KYC

Come risultato di questi rischi, molti governi stanno mettendo in atto sistemi per garantire ciò Antiriciclaggio (AML) e Conosci il tuo cliente (KYC) sono in atto regolamenti per identificare le persone che eseguono transazioni Bitcoin. Questi regolamenti sono spesso rivolti a scambi o istituzioni finanziarie che facilitano le transazioni Bitcoin. Le normative antiriciclaggio vengono emanate per impedire la conversione del denaro ottenuto da attività illegali in beni legittimi. Le normative KYC hanno lo scopo di garantire che gli istituti finanziari siano a conoscenza dell’identità dei propri clienti per garantire che le persone non autorizzate (come minori o criminali) non abbiano accesso a determinati servizi.

Stati Uniti d’America

Il Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN), un’agenzia all’interno del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, ha pubblicato linee guida su Bitcoin già nel 2013 che suggerivano che sebbene l’utilizzo di Bitcoin per l’acquisto di beni e servizi legali non fosse illegale, l’estrazione o il commercio di Bitcoin così come il funzionamento degli scambi su cui viene negoziato Bitcoin ricadrebbe sotto l’etichetta di “attività di servizi monetari” e sarebbe quindi soggetto alle stesse misure antiriciclaggio (AML) e Know Your Client (KYC) di altre istituzioni finanziarie.

Stati Uniti d'America

FinCEN ha anche intrapreso un’azione contro Ripple nel 2013 (che è stata successivamente risolta), sostenendo che Ripple non era riuscita a implementare un programma AML efficace e non era riuscito a segnalare attività sospette relative a transazioni finanziarie sul proprio sistema, implicando quindi che gli operatori di criptovaluta siano soggetti al Regolamento Money Service Business (MSB). Tuttavia, va notato che Ripple opera su una piattaforma più centralizzata rispetto a Bitcoin e molte altre criptovalute e quindi è estremamente improbabile che un “operatore” di Bitcoin possa essere identificato e soggetto alle normative MSB. I poteri di FinCEN si estendono anche al di là degli Stati Uniti territoriali, con la stessa che intraprende un’azione di nuovo contro lo scambio BTC-e domiciliato in Russia per violazione delle leggi antiriciclaggio statunitensi, che è stata la prima azione intrapresa contro uno scambio non con sede negli Stati Uniti.

Unione Europea

L’Unione Europea ha anche recentemente adottato misure per garantire che gli scambi rientrino nei requisiti KYC e AML, con la Commissione Europea che adotta proposte che assicurano che gli scambi di criptovaluta e i fornitori di portafogli rientrino nel quadro anti-riciclaggio dell’UE, in vigore da luglio 2017. Tuttavia , questi requisiti sono applicabili solo a tali scambi che consentono lo scambio tra criptovaluta e valuta fiat, il che escluderebbe di fatto molti degli scambi più popolari che operano oggi. Le disposizioni si applicano anche ai fornitori di portafogli di criptovaluta che offrono servizi di custodia di chiavi private.

Unione europea

Queste disposizioni richiedono che gli exchange e i fornitori di wallet eseguano controlli KYC e AML sui clienti e su eventuali titolari effettivi, richiedendo loro di raccogliere, elaborare e registrare dati personali e di condividerli con le autorità pubbliche.

Asia

Singapore

Singapore è attualmente in procinto di creare un quadro normativo per affrontare i problemi di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo relativi alla criptovaluta, con il ministro responsabile dell’Autorità monetaria di Singapore (MAS) che afferma che sebbene il governo non abbia il potere di regolamentare le criptovalute stessi, può “limitare le attività che li circondano se tali attività rientrano nel nostro ambito più generale di regolatore finanziario”.

Corea del Sud

Nel gennaio 2018, la Corea del Sud ha annunciato un sistema destinato a vietare l’uso di account anonimi nelle transazioni di criptovaluta. Fino ad ora, le banche coreane hanno consentito ai clienti di operare tramite conti virtuali emessi da banche coreane. Tuttavia, a seguito di un parere delle autorità sudcoreane che tali conti bancari. Il governo ha anche annunciato che le banche avrebbero ulteriori obblighi in materia di antiriciclaggio in relazione agli scambi di criptovaluta, inclusa la segnalazione di eventuali transazioni sospette relative agli scambi di criptovaluta.

Regolamento degli scambi

Poiché gli scambi sono i principali punti di ingresso attraverso i quali i commercianti di criptovaluta ei clienti interagiscono con la blockchain, la loro regolamentazione è considerata di fondamentale importanza. Di conseguenza, molte giurisdizioni si stanno concentrando sulla regolamentazione degli scambi e quindi assicurano che siano tenuti ad applicare le normative KYC ai propri clienti al momento della registrazione o al momento della transazione. Ciò include l’obbligo di avere account verificati o un limite massimo al quale gli account possono rimanere non verificati. In termini di regolamenti antiriciclaggio, l’applicazione efficace delle normative sugli scambi di criptovaluta dipende dal fatto che gli scambi siano tenuti a segnalare transazioni sospette alle autorità finanziarie.

Di seguito, questa sezione prenderà in considerazione l’approccio negli Stati Uniti, in Europa e in Asia.

NOI

La Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti ha designato Bitcoin come merce e, sebbene la CFTC non disciplini direttamente Bitcoin, ha autorità riguardo ai futures su materie prime che sono direttamente collegati a Bitcoin. Ad esempio, la CFTC ha recentemente accettato una proposta del Chicago Mercantile Exchange per consentire la compensazione di Bitcoin e altre criptovalute allo stesso modo di altri prodotti, il che potrebbe avere un effetto importante sul valore di Bitcoin.

Come notato in precedenza, il trading di Bitcoin ricadrebbe sotto l’etichetta di “Money Services Businesses” secondo FinCEN.

A livello statale ci sono stati vari approcci adottati dai singoli Stati, in particolare in relazione alla regolamentazione degli scambi o altri trasmettitori di denaro. Alcuni stati, come New York, hanno tentato di creare regimi di licenza specifici applicabili agli scambi di criptovaluta, mentre altri stati, come il Texas, continuano ad applicare le leggi e i regolamenti finanziari esistenti all’uso delle criptovalute. Tuttavia, l’effetto di questa licenza a New York è stato considerato da alcuni come un soffocamento dell’uso della criptovaluta da parte dell’industria fintech in quello Stato.

Europa

La Banca centrale europea ha classificato Bitcoin come una “valuta virtuale decentralizzata convertibile”. L’Autorità bancaria europea (EBA) ha consigliato alle banche europee di non scambiare criptovalute fino a quando non sarà stato istituito un regime normativo. Nel 2016, il Parlamento europeo ha deciso di creare una task force per monitorare le criptovalute al fine di combattere il riciclaggio di denaro e il terrorismo. La Commissione europea ha inoltre proposto che gli scambi di criptovaluta e i portafogli digitali sarebbero soggetti a regolamentazione al fine di prevenire l’evasione fiscale.

Asia

Singapore

Sebbene il MAS non controlli le criptovalute stesse, limita le attività che le circondano, come gli scambi.

Shanmugaratnam ha spiegato che MAS, che funziona sia come banca centrale di Singapore che come organismo di regolamentazione finanziaria, non ha l’autorità per imporre regole sulle stesse criptovalute. Può, tuttavia, limitare “le attività che li circondano se tali attività rientrano nel nostro ambito più generale di regolatore finanziario”. Oltre al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo, queste attività includono anche la detenzione di offerte di token che emettono monete che raddoppiano come titoli. Nel caso di tale offerta, ha elaborato: “Si applicheranno i requisiti di dover registrare un prospetto, ottenere licenze di intermediario o operatore di cambio”, così come “le norme in materia di antiriciclaggio e contrasto al finanziamento del terrorismo”. Ha promesso che il MAS continuerà a esaminare la necessità di una “legislazione più mirata” sulle offerte di token oltre alle leggi sui titoli che sono già nei libri contabili.

Corea del Sud

I regolatori sudcoreani hanno indagato attivamente su una serie di scambi negli ultimi mesi, soprattutto dopo gli attacchi di alto profilo e la successiva chiusura dello scambio Youbit.  

Al fine di operare legalmente, le autorità di regolamentazione hanno dichiarato che gli scambi devono garantire che siano in atto le seguenti procedure:

  • garantire che i fondi dei clienti debbano essere conservati separatamente.
  • fornire agli utenti spiegazioni approfondite dei rischi di investimento.
  • confermare i nomi reali degli utenti.
  • istituire un adeguato sistema antiriciclaggio.
  • disporre di un sistema di protezione delle risorse come la dispersione delle chiavi crittografiche.
  • aumentare la trasparenza divulgando i dettagli della transazione al pubblico.

Inoltre, la Corea del Sud ha anche limitato i diritti delle istituzioni finanziarie di offrire conti bancari virtuali e anonimi, oltre ad affidare agli scambi la responsabilità di segnalare eventuali transazioni di criptovaluta di grandi dimensioni. Le nuove normative vietano anche a stranieri e minori di effettuare transazioni in criptovaluta.

Conclusione

Questo articolo ha illustrato che esistono vari approcci e opinioni in tutto il mondo riguardo alla regolamentazione di Bitcoin e altre criptovalute. Per alcuni, la regolamentazione della criptovaluta aggiungerebbe legittimità al settore. Tuttavia, per altre giurisdizioni, la regolamentazione di Bitcoin è in basso nell’elenco delle priorità legislative in quanto non è considerata una questione urgente, con anche qualche incertezza tra i regolatori su come regolamentare il settore. Adattare il settore delle criptovalute alle strutture esistenti rischia di soffocare il settore. Tuttavia, creare una nuova struttura normativa e fiscale esclusivamente per la criptovaluta potrebbe comportare una spesa significativa per il contribuente. La stessa industria delle criptovalute è contraria alla regolamentazione su larga scala che influenzerebbe negativamente la natura decentralizzata del settore e minerebbe la filosofia della tecnologia.

L’anno 2017 ha visto le criptovalute staccarsi dall’essere un settore di nicchia utilizzato dall’industria tecnologica per diventare qualcosa di molto più mainstream. Questo breakout ha portato Bitcoin a diventare una parola d’ordine in ufficio e in casa. Di conseguenza, è diventato quasi inevitabile che la regolamentazione in una forma o nell’altra sia in arrivo. Tuttavia, le grandi domande che rimangono sono quale forma assumeranno tali normative e quale effetto avranno sul settore.

Sebbene ci sia qualche merito nell’argomentazione secondo cui una regolamentazione su larga scala potrebbe influire negativamente sul decentramento della criptovaluta, si suggerisce che una certa regolamentazione sia necessaria per legittimare la tecnologia e il mercato. L’adozione di misure come l’applicazione degli standard KYC / AML ha un duplice scopo: proteggere lo Stato, ma anche proteggere l’individuo e garantire che le aziende prendano sul serio i propri doveri nei confronti dei propri clienti / investitori.

La regolamentazione degli scambi non è la stessa della regolamentazione della criptovaluta. Tuttavia, regolamentando gli scambi, possono essere misurati rispetto a uno standard comune a cui devono aderire, che può proteggere i clienti oltre a innalzare gli standard del settore e la facilità di accesso al mercato. La regolamentazione degli scambi può anche aiutare a prevenire la manipolazione del mercato. Sebbene non vi sia certezza che la manipolazione del mercato avvenga sul mercato delle criptovalute, ciò significa che non esiste la possibilità che si verifichi. L’industria delle criptovalute è un’area entusiasmante in cui molti investitori occasionali sono direttamente in contatto con trader esperti. Senza regolamentazione, sarebbe relativamente facile per questi trader utilizzare la propria esperienza per manipolare il mercato.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me