Blockchain di cibo maturo

Ripe.io appena ricevuto una nuova iniezione di capitale da una fonte molto promettente. La piccola startup ha appena raccolto circa $ 2,4 milioni di dollari da numerosi investitori. Maersk Growth è stato uno dei maggiori investitori questa volta, il che potrebbe essere di grande auspicio per la neonata piattaforma di monitoraggio alimentare basata su blockchain di Ripe.io.

Una “blockchain del cibo” sarebbe un ottimo modo per rendere l’intero sistema alimentare globale più sicuro e molto più efficiente. Al momento, la maggior parte dei paesi utilizza un sistema “uno su, uno giù” (o uno indietro, uno su) per monitorare il cibo. Uno in alto, uno in basso, significa che tutti nella filiera alimentare devono sapere dove hanno acquistato il cibo e dove sta andando. Oltre a ciò, un’azienda che si occupa di cibo non ha idea da dove provenga qualcosa in origine o da dove verrà venduto.

Blockchain di cibo maturo

Ripe.io ha già lanciato una piattaforma limitata per la sua blockchain-of-food creata per tracciare i pomodori. Il cosiddetto “Internet of Tomatoes” è stato progettato in collaborazione con Analog Devices e Sweetgreen, il fast-casual salad restaurant. Il livello di supervisione che l’Internet-of-Tomatoes ha creato per Sweetgreen è stato incredibile per gli standard moderni ed è un ottimo punto di partenza per progetti più grandi.

Ripe.io porta la blockchain nel mercato sensibile

L’Internet-of-Tomatoes di Ripe.io è stato un ottimo esempio di quante informazioni una piattaforma di monitoraggio basata su blockchain può fornire a tutti in una catena di approvvigionamento. Non solo è facile stabilire la catena di custodia, ma la blockchain è facile da integrare con apparecchiature di rilevamento IoT poco costose. I sensori IoT consentono di registrare le condizioni di crescita, nonché le condizioni che il cibo incontra nel suo percorso verso il consumatore.

Phil Harris, cofondatore e presidente di Ripe.io, ha detto a Forbes perché l’industria alimentare è matura per l’innovazione,

“Hai i laboratori, i distributori, la certificazione, la sicurezza alimentare, i ristoranti … la nostra osservazione era che non erano realmente collegati in alcun modo significativo (perché) i dati non venivano condivisi (c’era) pochissima collaborazione . “

È facile trascurare l’importanza sistemica della sicurezza alimentare. Il sistema di distribuzione alimentare gestisce enormi quantità di materiale e, quando le cose vanno male, può essere una vera lotta rintracciare dove potrebbero essere in agguato cibo potenzialmente pericoloso. Il sistema one up, one down rende l’analisi della catena di approvvigionamento dispendiosa in termini di tempo, il che può tradursi in più casi di malattie di origine alimentare.

Blockchain potrebbe rendere il cibo più sicuro

Sebbene sia spiacevole pensarci, le malattie di origine alimentare uccidono ogni anno più persone negli Stati Uniti rispetto al terrorismo. Nel 2016, 98 morti sono state attribuite a cibo contaminato, che è del 44% in più rispetto a bilancio delle vittime del terrorismo sugli obiettivi degli Stati Uniti continentali nello stesso anno. Uno dei problemi con l’approvvigionamento alimentare è che, poiché il cibo è difficile da rintracciare, i prodotti contaminati possono rimanere in vendita, anche se le autorità sanno che sono potenzialmente mortali.

Frank Yiannas è il vicepresidente della sicurezza alimentare di Walmart. Ha raccontato una storia a Forbes su quanto possa essere difficile rintracciare una semplice scatola di manghi per un team di professionisti. Il signor Yiannas ha portato una scatola di manghi in una riunione, l’ha posizionata sul tavolo e ha detto al suo staff che: “Il tuo esercizio di ritorno inizia proprio ora”. Il gruppo per la sicurezza alimentare di Walmart ha calcolato il tempo impiegato da ciascuna informazione per tornare da un negozio, o dai distributori, poi ai trasformatori e infine dagli agricoltori. Il tempo necessario non è mai stato rilasciato, ma era troppo lungo per garantire la sicurezza.

Se Walmart avesse accesso a un sistema di tracciamento basato su blockchain, il tempo impiegato sarebbe probabilmente molto inferiore. Ripe.io è in grado di creare un sistema di tracciamento che potrebbe aiutare le aziende a risparmiare denaro, ma anche dare ai grandi rivenditori la possibilità di rimuovere il cibo contaminato in pochi minuti o ore.

Letteralmente nessun inconveniente

Invece di dover fare un’enorme quantità di ricerche e rintracciare più livelli all’interno di una massiccia rete di distribuzione, una piattaforma blockchain per il monitoraggio degli alimenti consentirebbe alle autorità e ai rivenditori di trovare ogni oggetto potenzialmente contaminato in tempo quasi reale e di esaminare anche eventuali casi di possibile contaminazione incrociata.

Oltre a consentire ai rivenditori una supervisione molto maggiore, la blockchain può anche aiutare i consumatori a garantire che ottengano la qualità per cui pagano. Il mega-rivenditore cinese Alibaba sta già lavorando con il monitoraggio basato su blockchain per prodotti alimentari di fascia alta come il manzo australiano, che è un altro esempio di come la tecnologia blockchain abbia casi d’uso nel mondo reale in questo momento.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me